La Bibliografia gramsciana, fondata da John M. Cammett, ora curata da Francesco Giasi e da Maria Luisa Righi con la collaborazione dell'International Gramsci Society raccoglie volumi, saggi e articoli su Gramsci pubblicati dal 1922 e pubblicazioni e traduzioni degli scritti di Gramsci dal 1927. Per aggiornamenti, integrazioni o correzioni scrivere a: bibliografiagramsciana@fondazionegramsci.org

  • Gramsci, Antonio
    Come alla volontà piace: Scritti sulla Rivoluzione russa, Roma: Castelvecchi, 2017, 144
    a cura di Guido Liguori
    La Rivoluzione russa del 1917 ha inciso profondamente sulla storia del Novecento. E anche sulla vita di Antonio Gramsci, giovane sardo emigrato a Torino e giornalista socialista. Formatosi nel clima antipositivistico del tempo, egli ha al centro del proprio bagaglio culturale l'importanza della soggettività e della volontà. È questa formazione a permettergli di entrare in sintonia con il pensiero e l'azione di Lenin, che contro tutte le previsioni del marxismo ortodosso, oggettivista e determinista, realizza la rivoluzione nel suo Paese. Gramsci diviene così uno dei più originali osservatori dei fatti di Russia. Quasi dieci anni dopo, nel 1926, però, il suo sguardo sarà ben più preoccupato e critico, come appare dallo scambio epistolare con Palmiro Togliatti, qui riportato in appendice.
    SOGGETTI:Rivoluzione Russa; Guerra Mondiale, Prima; Avanti!; Grido Del Popolo





    SolrDocument[{id=IT-GRAMSCI-BIB00001-0020622, livello=B1, titolo=Come alla volontà piace: Scritti sulla Rivoluzione russa, sottotitolo=, tipo_titolo=, responsability_namePart=[Gramsci, Antonio, Liguori, Guido], autorevoc=[Gramsci, Antonio, Liguori, Guido], responsability_codice=[IT-GRAMSCI-EACCPF0001-003167, IT-GRAMSCI-EACCPF0001-000601], responsability_ruolo=[author, curatore], first_author=Gramsci, Antonio, forma_parallela=, responsability=a cura di Guido Liguori, note_edizione_traduzione=, luogo_pubblicazione=Roma, editore=Castelvecchi, forma_visualizzata=2017, forma_normalizzata=20170101-20171231, tipo_data=, consistenza=144, lingua=[ita], paese=[IT], abstract=La Rivoluzione russa del 1917 ha inciso profondamente sulla storia del Novecento. E anche sulla vita di Antonio Gramsci, giovane sardo emigrato a Torino e giornalista socialista. Formatosi nel clima antipositivistico del tempo, egli ha al centro del proprio bagaglio culturale l'importanza della soggettività e della volontà. È questa formazione a permettergli di entrare in sintonia con il pensiero e l'azione di Lenin, che contro tutte le previsioni del marxismo ortodosso, oggettivista e determinista, realizza la rivoluzione nel suo Paese. Gramsci diviene così uno dei più originali osservatori dei fatti di Russia. Quasi dieci anni dopo, nel 1926, però, il suo sguardo sarà ben più preoccupato e critico, come appare dallo scambio epistolare con Palmiro Togliatti, qui riportato in appendice., table_contents=, titolo_collana=, collocazione=, soggettivoc=[Rivoluzione Russa, Guerra Mondiale, Prima, Avanti!, Grido Del Popolo], subjectvoc=[Russian Revolution, World War I, Avanti!, Grido del popolo Il" (newspaper)], note_riservate=, source=, recordInfo=, identifier=IT-GRAMSCI-BIB00001-0020622, recordOrigin=, condizioni_accesso=public, dateIssued=20170101-20171231}]